NEWSLETTER   NOTIZIE DEL GIORNO ULTIMO

 

TUTTO SUL CONCORSO DS 980X40

CARTA DOCENTE 980X40

Test Invalsi Test Invalsi
vota
(1 Vota)

Ichino: chi si oppone alle prove Invalsi pensa ai propri interessi non a quelli degli studenti

Domenica, 09 Luglio 2017

Sulla polemica sugli esiti delle rilevazioni Invalsi interviene senza troppe cautele Pietro Ichino, docente universitario, senatore ed esperto di diritto del lavoro.


E lo fa con un breve ma secco articolo pubblicato nel suo blog.
Ichino prende le mosse dall'articolo pubblicato venerdì scorso sul Corriere della Sera.
"In sintesi - sottolinea Ichino - dagli ultimi test Invalsi risulta che, mentre in seconda elementare il grado di preparazione dei bimbi nelle due materie è abbastanza uniforme tra le diverse regioni del Paese, in terza media, invece, a fronte della performance delle scuole del Nord che si colloca omogeneamente in una fascia alta della gamma nazionale, quella delle scuole del Sud si colloca nella fascia bassa, con marcate disomogeneità: cioè facendo registrare anche punte negative gravi, soprattutto in Calabria, Sicilia e Sardegna. E il divario aumenta nelle scuola superiori".

Secondo Pietro Ichino questo significa che dopo i primi anni di primaria, la scuola inizia a peggiorare, lentamente ma inesorabilmente e, soprattutto, a perdere quel carattere di uniformità che dovrebbe invece essere peculiare di un servizio di importanza strategica. Anzi, osserva Ichino, emerge un dato allarmante: "il servizio viene erogato a un livello qualitativo più basso proprio nelle zone del Paese più deboli e arretrate, cioè quelle che semmai dovrebbero essere sostenute con una scuola migliore".

 

corsi carta docente

 

Ma i guai non finiscono qui e Pietro Ichino punta il dito contro chi dovrebbe riflettere e invece inscena proteste senza senso: "Di fronte a questo dato, che cosa fa la sinistra politica e sindacale? Lo contesta denunciando errori e distorsioni nella rilevazione? O invece protesta vibratamente contro la disfunzione della scuola nelle regioni meridionali, che colpisce la parte più povera della popolazione? Né l’una cosa né l’altra: la sinistra politica e sindacale si mobilita contro l’Invalsi, cioè contro il fatto stesso che si pretenda di rilevare il dato".

Insomma, ironizza Ichino, è come se un malato "avendo appreso dal termometro di avere la febbre, se la prendesse contro il termometro, decidendo di non usarlo più".

Ma perchè la "sinistra" si comporta in questo modo?

E' presto detto: "Essa ha a cuore, molto più che l’interesse degli utenti della funzione pubblica – in questo caso: degli studenti –, dell’interesse della parte peggiore degli addetti alla funzione stessa: la parte che chiede soltanto di non essere valutata e di essere messa il meno possibile sotto stress".

Se il senatore Ichino intendeva animare il dibattito dovrà solo aspettare qualche ora, perchè la sua uscita funzionerà esattamente come un secchio di benzina gettato in mezzo al fuoco.

CORSO DS 300

corso che vorrei piccolo