NEWSLETTER   NOTIZIE DEL GIORNO ULTIMO

 

TUTTO SUL CONCORSO DS 980X40

CARTA DOCENTE 980X40

valutazione dirigenti scolastici valutazione dirigenti scolastici
vota
(0 Voti)

Valutazione presidi, addio premio legato al merito

Mercoledì, 19 Aprile 2017

Nemmeno i presidi se la passano bene di questi tempi: il tema portante della Buona Scuola, legato alla valutazione del personale, perde infatti la valorizzazione del merito dei dirigenti scolastici.

Come abbiamo scritto in precedenza, i dirigenti scolastici si oppongono alla valutazione, come riferisce l’ANP: “noi non siamo mai stati contrari in maniera ideologica ma non vogliamo questo tipo di valutazione. Quali sono i parametri che vengono considerati? Il numero di alunni promossi? Non possono certo essere questi i criteri”.

Quindi, i ds si sarebbero sottoposti alla valutazione se fossero stati veramente nelle condizioni di poter esprimere la loro professionalità, come si legge su Il Messaggero.
A quel punto avrebbe avuto senso individuare il dirigente capace e quello che, invece, dopo una serie di bocciature avrebbe anche potuto perdere il suo ruolo di guida all'interno della scuola. Ma così non è stato. E i sindacati, riuniti al ministero dell'Istruzione, hanno ottenuto la sospensione della premialità legata al merito. 

L’Associazione nazionale dei presidi si è dichiarata “indisponibile a compilare il portfolio del dirigente e a impiegare tempo prezioso, che non può essere sottratto a impegni con reali conseguenze sulla qualità della scuola” e chiede una modifica della direttiva in cui l'adesione dei dirigenti alla valutazione diventi volontaria e non più obbligatoria, fino a quando non verrà riconosciuto a pieno il potere dirigenziale al capo di istituto.

I sindacati hanno chiesto di ricondurre la questione della valutazione all’ambito contrattuale, dimostrazione quindi che il sistema così come è stato pensato non è pronto ad essere applicato.


corsi carta docente




Il Ministero però è al corrente dei problemi a cui si sta andando incontro, dato che non si è completata la formazione per chi dovrà valutare i dirigenti e i tempi per mettere in moto una procedura simile sono troppo ristretti. Inoltre sono eccessivamente eterogenei gli obiettivi regionali con situazione ancora troppo diverse nei singoli territori.
Infine ci sono i nodi relativi alla composizione dei nuclei di valutazione, che rischierebbe di rivoltarsi contro se all’interno fossero inseriti i docenti come valutatori, che potrebbero prendersi delle “rivincite” personali contro i “presidi sceriffo”.

In sostanza, si legge ancora su Il Messaggero, per dare una valutazione oggettiva e che sia uguale per tutti, da nord a sud, serve una modalità che cancelli le differenze territoriali e sociali in cui insistono i singoli istituti.

Nel frattempo, come abbiamo già detto, l’ANP ha proclamato lo stato di agitazione denunciando “condizioni inaccettabili di lavoro, rese insopportabili dal mancato riconoscimento retributivo e dall'assenza di un'equiparazione al resto della dirigenza di pari livello nella pubblica amministrazione”. 

 

CORSO DS 300

corso che vorrei piccolo