NEWSLETTER   NOTIZIE DEL GIORNO ULTIMO

 

ed alimentare PUSH

 

TUTTO SUL CONCORSO DS 980X40

CARTA DOCENTE 980X40

Tag
vota
(0 Voti)

Legge107: gli errori grossolani da correggere

Martedì, 14 Marzo 2017

In data 14 marzo ho scritto una lettera aperta agli organi costituzionali dello Stato per sollecitare la correzione di uno dei grossolani errori della legge 107/2015.

La progettazione è la chiave di volta del sistema scolastico
[DPR 275/99 art.1 comma 2] è l’asserzione d’apertura: chi progetta deve rispettare i vincoli posti da un itinerario rigorosamente definito.
La circostanziata descrizione del risultato atteso è il momento generativo di un progetto introduce il postulato che il legislatore ha infranto.

L’assenza di un’esatta visione del campo del problema e la mancanza di una meta viziano le strategie risolutive e le scaraventano nel campo della casualità e di preconcetti.

Il comma 7 della legge 107/2015 deve essere corretto: più della metà degli “obiettivi formativi ritenuti come prioritari” non attiene alla formazione e all’educazione degli studenti.

Eccone un parziale repertorio:

  • Potenziamento delle metodologie laboratoriali [riguarda la didattica];
  • Prevenzione e contrasto della dispersione scolastica [riguarda la gestione del sistema scolastico];
  • Valorizzazione della scuola intesa come comunità attiva [aspetto di marketing];
  • Apertura pomeridiana delle scuole e riduzione del numero di alunni e di studenti per classe [riguarda l’organizzazione];
  • Valorizzazione di percorsi formativi individualizzati [riguarda il recupero e il sostegno];
  • . . .

Un sistema erroneamente orientato è sterile.
La sterilità, principale conseguenza dell’assenza d’orientamento, è foriera di confusione.

L’introduzione di pratiche decontestualizzate implica ubbidienza, non razionale condivisione. 

di Enrico Maranzana

cop video EL DS