NEWSLETTER   NOTIZIE DEL GIORNO ULTIMO

 

CARTA DOCENTE 980X40

  • Home
    Home Questo è dove potete trovare tutti i post del blog in tutto il sito.
  • Bloggers
    Bloggers Cerca il tuo blogger preferito da questo sito.
  • Archivio
    Archivio Contiene un elenco di blog che sono stati creati in precedenza.

Blog Lucio Ficara

Nel Paese della corruzione i concorsi per DS sono lottizzati?

  • Dimensione carattere: Maggiore Minore
  • Stampa

C’è una domanda che mi piace fare, una domanda che non vuole essere qualunquistica e non vuole aprire polemiche, una domanda che vuole dare libero sfogo a dei legittimi dubbi sulla mancanza di regolarità e trasparenza nei concorsi per dirigere le scuole pubbliche. Qual è questa scomoda domanda: “ Nel Paese della corruzione e delle ruberie, i concorsi per dirigenti scolastici sono lottizzati?”. La domanda nasce anche dalle fortissime polemiche e dai contenziosi che ci sono stati nell’ultimo e penultimo concorso per dirigente scolastico, con casi veramente da commedia all’italiana. Chi è che non ricorda il caso del concorso in Sicilia, quello delle lettere trasparenti in Lombardia, i problemi delle commissioni in Toscana, ma anche gli evidenti problemi in Campania e in Calabria. Ecco il motivo di una tale domanda, che non mancherà di fare imbestialire qualche Ds che si ritiene fuori dalla mischia. Un’osservazione che va fatta e che potrebbe orientare per dare una risposta all’ostica domanda è: “ Come mai quando si scava nella biografia dei Presidi, si trova quasi sempre una loro appartenenza all’associazionismo, alla politica, alla massoneria , alla Chiesa, ai sindacati e anche ad organizzazioni di altro genere? “. C’entra qualcosa l’appartenenza all’associazionismo, l’avere posseduto una tessera di partito o di sindacato, con la vincita di un concorso prestigioso come quello di dirigente scolastico? Coincidenze o lottizzazione sistematica? Esistono veramente dirigenti scolastici che fanno i politici , a livello locale o addirittura a livello nazionale e durante il loro mandato riescono a vincere il concorso a Preside? Esistono veramente dirigenti scolastici che sono noti massoni con tanto di grembiulino e lo erano anche quando hanno vinto il concorso? Esistono Presidi che hanno vinto il concorso mentre erano segretari regionali o provinciali di un sindacato? Se si sente la voce del popolo, sembrerebbe che queste situazioni esistono eccome! Tuttavia anche se fosse vera l’ipotesi di una scientifica lottizzazione di questi posti messi a concorso, è anche vero che alcuni Presidi, come quelli su menzionati, sono bravi e meritevoli a prescindere da tutto, mentre altri non sono in grado nemmeno di dirigere casa propria. Eppure il ruolo del dirigente scolastico meriterebbe un reclutamento serio e oculato, che non tenga conto di alcuna appartenenza, politica, sindacale o di qualsiasi altra natura, ma che tenga semplicemente conto dell’alto valore manageriale, culturale, della competenza didattica e della conoscenza della legislazione scolastica. Un ruolo complesso e carico di responsabilità come quello del dirigente scolastico non può e non deve essere mai assegnato da un sistema di lottizzazione, ma deve essere assegnato dopo un duro e meritocratico concorso. Voi come rispondereste alla domanda scomoda: “Nel Paese della corruzione e delle ruberie, i concorsi per dirigenti scolastici sono lottizzati?”.

in Uncategorized Visite: 3396
Docente di matematica e fisica nei licei scientifici, presidente Proteo Fare Sapere per la provincia di Reggio Calabria e presidente direttivo regionale della Calabria della Flc-Cgil, studioso di legislazione scolastica e del contratto di lavoro del personale scolastico.