NEWSLETTER   NOTIZIE DEL GIORNO ULTIMO

 

CARTA DOCENTE 980X40

Visualizza articoli per autore: Alessandro Giuliani

Chi ha inviato nuovi titoli e servizi nei primi giorni e comunque fino al 22 aprile è stato invitato dal Miur ad eseguire una nuova serie di operazioni. La Cisl Scuola parla di “situazione paradossale” per una ‘dematerializzazione’ sinora dimostratasi davvero poco affidabile. E dà per scontato uno slittamento della scadenza, ancora oggi ferma al prossimo 10 maggio.

Assunzioni: numeri da terno al lotto?

Venerdì, 25 Aprile 2014 16:21

A sostenerlo è il sindacato Anief, a cui risultano disponibilità di posti liberi ben più alte: sarebbero 100mila i posti vacanti, che per errate previsioni di bilancio sono assegnati con contratti per lo più al 30 giugno. Mentre il Miur ne metterà in ruolo solo 28mila. Perplessità pure per l’indizione di un nuovo concorso a cattedra: perché bandirlo per 14.000 posti, quando ci sono 17.000 idonei appena valutati dalle Commissioni. E che così decadranno automaticamente…

Per il Ministro si tratta di due passaggi fondamentali. Perché altrimenti i ragazzi che vogliono fare l’insegnante rimangono senza “sponda”. E poi perché ''si programma quando ci sono fondi certi, soprattutto sui capitoli università e ricerca e su alcuni della scuola, come il Mof”.

A sostenerlo è stato Alberto Zolezzi (M5S), nel corso di una conferenza alla Camera, supportato dall'Osservatorio nazionale amianto: a 22 anni dalla legge che lo ha messo al bando, rimangono da bonificare migliaia di edifici pubblici, luoghi di lavoro e soprattutto istituti d’istruzione. Questa inosservanza provoca una ''strage silenziosa da 5.000 morti l'anno''. Per contrastarla servirebbe il sì ad un testo di legge, già approvato alla Camera e ora al Senato, che inasprisce le sanzioni. E realizzare una mappatura completa del fenomeno. Che potrebbe arrivare con l’eterna incompiuta anagrafe dell’edilizia scolastica, promessa anche dal Governo Renzi.

Si parte il 28 aprile con l’astensione dal lavoro di docenti e Ata organizzata dall’Unicobas “contro la politica del Ministro Giannini”: bisogna educarlo a minor protervia, spiega il segretario Stefano d’Errico. Il 6 e 7 maggio si asterrà dalle lezioni il personale della scuola dell’infanzia e primaria per ribadire il no alle prove Invalsi (ma non solo); il 13 maggio sarà la volta di medie e superiori.

A chiederlo è il segretario nazionale Giuseppe Mascolo: non sono solo i sindaci ad aspettare risposte. Preoccupa anche la mancata riforma del reclutamento del personale e l’aumento del rapporto numerico tra alunni e classe: equivale ad una ulteriore diminuzione degli organici.

La denuncia è di Leonardo Muraro, presidente della Provincia di Treviso e vice presidente vicario dell'Unione delle Province d'Italia, che parla di studenti di serie A e B: se fossero confermate le indiscrezioni sui contenuti del decreto ‘Italia coraggiosa e semplice’, l'esclusione dal patto di stabilità per gli interventi di messa in sicurezza riguarderebbe soli i comuni. In effetti, Renzi dice che sono arrivate 4.500 richieste (in arrivo 3,5 miliardi di euro) e parla solo di sindaci.

A sostenerlo sono le associazioni Udu e Rete: il risultato dell'ultimo candidato rientrato in graduatoria è quasi 10 punti sotto quello dell'anno scorso, a conferma della totale inconsistenza del test. I numeri del Miur parlano chiaro: il voto medio (su 63.002 prove valide) è stato di 23,07 punti, contro i 27,54 del 2013. Inoltre, 36.865 candidati (il 58,5% del totale) hanno totalizzato almeno i 20 punti per essere reputati idonei. Ma nel 2013 erano stati il 69,9%.

I tecnici informatici che operano per il Miur stanno attuando gli ultimi accorgimenti per superare i problemi che hanno reso problematica la prima settimana di invio di titoli e servizi. I sindacati, a cui è stato assicurato il superamento del disguido, continuano intanto a chiedere di far slittare la scadenza del 10 maggio di almeno una settimana. Per effettuare una corretta compilazione delle domande torna attivo il servizio di consulenza della ‘Tecnica della Scuola’.

Archivio-storico 300